I denti da latte sono fondamentali non solo per la masticazione del bambino ma anche per il corretto sviluppo della dentizione permanente. I denti definitivi erompono nelle arcate seguendo le radici dei denti da latte corrispondenti e ne prendono lo spazio al momento opportuno.

Per questo motivo i denti da latte non dovrebbero mai essere persi prima del periodo di uscita del permanente. La scelta se curare o meno questi elementi dipende pertanto da quanto tempo manca alla loro fisiologica sostituzione da parte del definitivo. Fino agli 8-9 anni la terapia è quasi sempre indicata mentre in un periodo successivo è l’odontoiatra a prendere la decisione più opportuna fra cura, estrazione o attesa. In caso di perdita precoce per carie è spesso necessario allestire piccole apparecchiature (mantenitori) che garantiscano di mantenere lo spazio corretto per i denti permanenti non ancora erotti.

Quando lo spazio di un dentino perso troppo presto è occupato dai denti vicini e non dall'elemento definitivo corrispondente, l'intera bocca incorre nel rischio di malocclusione severa.

 

 

Al fine di sapersi orientare l’operatrice ricorderà al genitore l’età di permuta dei singoli denti da latte.

 

A 6 anni: erompe il primo molare permanente, anche detto “dente dei 6 anni”. Questo dente erompe in fondo alle arcate, non sostituisce alcun dente da latte e proprio per questo motivo non sempre i genitori si rendono conto della sua presenza. È un dente di fondamentale importanza per lo sviluppo della dentatura e la sua salute deve essere considerata prioritaria.

 

A 6-7 anni – prima fase di transizione: sono in permuta i gruppi incisivi, con anticipo di 6 mesi degli inferiori rispetto ai superiori.
La carie degli incisivi da latte è molto rara ma, in caso si verifichi a 5-6 anni, non ha generalmente senso curare il dente affetto.

A 9-11 anni – seconda fase di transizione: sono in permuta i denti da latte laterali rappresentati da molari e canini decidui.

 

 

La perdita precoce del canino deciduo superiore e dei secondi molari decidui superiori e inferiori è particolarmente pericolosa in merito al rischio di malocclusione e dovrebbe sempre essere segnalata all’ortodontista.
Alla domanda dei genitori se si debbano curare i denti da latte, la risposta dovrà rendere consapevole il genitore dell’importanza del momento cronologico in cui la cura è indicata o inutile, in base all’età del bambino e alla tempistica soggettiva di cambio dei denti del bambino.

 

 

  • Facebook
  • Instagram